NATURA IN VAL D'AYAS

Alzare gli occhi al cielo ed avvistare la sagoma di un'aquila reale, passeggiare in montagna accompagnati dal sibilo delle marmotte sono solo alcune delle emozioni che la natura del comprensorio della Val d'Ayas vi può procurare. Perché l'attenzione all'ambiente e la molteplicità di habitat rende qui possibile la diffusione di innumerevoli varietà faunistiche, sia di origine mediterranea che peculiari della regione alpina, e comprendenti anche specie tipiche della fauna forestale che, a seconda degli alberi presenti, spazia dal ghiro al cervo, dalla martora al capriolo, dallo scoiattolo al cinghiale ed a molti altri ancora. Il cinguettio che spesso vi accompagna lungo le passeggiate segnala la presenza di numerose varietà di volatili compreso il gipeto, il più grande uccello europeo, avvistato nuovamente nella media Val d'Ayas e nel Parco Naturale del Mont Avic.

cerbiatto
cerbiatto
aquila
aquila
Piccolo di camosio
Piccolo di camosio
natura in val d'ayas
natura in val d'ayas
 

E' la varietà del territorio la vera ricchezza della Val d'Ayas: essa vi offre l'opportunità di passeggiare su magnifici pascoli, attraversare grandi ghiacciai, camminare tra fitti boschi di conifere o specchiarvi nelle acque dei suoi innumerevoli laghi. A questi vanno aggiunti un gran numero di torrenti e corsi d'acqua, che ne tratteggiano il paesaggio e danno origine a suggestive cascate come quella, a valle di Isollaz, con una caduta d'acqua di quaranta metri.

Ma sono i territori del Parco del Mont Avic a Champdepraz e della Riserva Naturale del Lago di Villa a Challand-St-Victor a riservarvi gli incontri più sorprendenti. L'ermellino e la pernice bianca, il gracchio corallino ed il picchio muraiolo, il rospo comune ed una miriade di insetti, in particolare libellule e farfalle, alcune delle quali di specie rarissime. La flora e la vegetazione contraddistinguono in modo unico queste due aree protette: nel Parco del Mont Avic spicca la più vasta foresta di Pino uncinato della Valle d'Aosta, mentre il Lago di Villa è l'unica località della regione ad ospitare la Ninfea bianca. A queste particolarità si aggiungono poi in ogni dove le ricche fioriture di corolle dai colori più disparati e vistosi, che spaziano dal giallo intenso al viola più vivace, e che accolgono gli escursionisti dietro ogni angolo.